Io sono figlio e uomo del Caos – Autobiografia immaginaria di Luigi Pirandello

image_pdfimage_print

Di Pietro Seddio. 

In questa autobiografia immaginaria è lo stesso luigi Pirandello a raccontarsi in prima persona. Un’analisi dettagliata della vita del Maestro che dal suo Caos, dove è nato, ha condotto una vita davvero complessa e quanto mai tortuosa, segnata da un destino che lui ha sempre rifiutato e che nello stesso ha accettato.

Indice Tematiche

Pirandello, Autobiografia immaginaria
L’urna contenente le ceneri di Pirandello presso la casa natale in contrada Caos (Agrigento)

Io sono figlio e uomo del Caos

Indice
  • Io sono figlio e uomo del Caos – Autobiografia immaginaria di Luigi Pirandello
    Io sono figlio e uomo del Caos – Autobiografia immaginaria di Luigi Pirandello

    Di Pietro Seddio.  In questa autobiografia immaginaria è lo stesso luigi Pirandello a raccontarsi in prima persona. Un’analisi dettagliata della vita del Maestro che dal suo Caos, dove è nato, ha condotto una vita davvero complessa e quanto mai tortuosa, segnata da un destino che…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 1: Nasce Luigi Pirandello
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 1: Nasce Luigi Pirandello

    Di Pietro Seddio.  Mio padre e mia madre si erano già visti una prima volta e siccome lei aveva quasi vent’otto anni credeva di essere una zitella avendo consumato quella gioventù nei confronti della Patria. Ma Stefano, non si tirò indietro e seduta stante le chiese…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 2: Agrigento e il colera
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 2: Agrigento e il colera

    Di Pietro Seddio.  Mentre ad Agrigento imperversava ancora il colera, il 28 giugno 1867 sono nato io: Luigi Pirandello. E da questo momento inizia la mia vera storia, quella che mi vede protagonista, a volte mio malgrado, ma così si è svolta la mia vita…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 3: Il Caos
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 3: Il Caos

    Di Pietro Seddio.  La casa è ubicata su di un altopiano, quasi a strapiombo nel mare e si inserisce in maniera armonica tra il litorale agrigentino ed i siti archeologici della Valle dei Templi. Da notizie certe l’intero manufatto è stato identificato e registrato nel…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 4: Riceve il battesimo
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 4: Riceve il battesimo

    Di Pietro Seddio.  L’atto di battesimo non venne trascritto e proprio poco prima del matrimonio, mancando quel documento, fu necessario avere un decreto vescovile e così mons. Blandini, vescovo di quel tempo, provvide a far stipulare il nuovo atto di battesimo che venne trascritto nei…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 5: Pirandello e Agrigento
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 5: Pirandello e Agrigento

    Di Pietro Seddio.  Ancora sono fermo a pensare che questa città è brutta, abbandonata e nel vedere tanti palazzoni così sparpagliati non credo possa ritenersi una città in linea con i tempi. Ma io ho il dovere di raccontare il mio passato che mi appartiene…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 6: Incontro con i fantasmi
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 6: Incontro con i fantasmi

    Di Pietro Seddio.  Ma ecco improvvisamente avvertii un frullo, un rumore e quasi subito mi accorsi d’un’ombra che si muoveva. Un’ombra nell’ombra. C’era qualcun altro, pensai? Chi si era nascosto in qualche angolo profondo e oscuro della Torre? E questo, anzi quest’ombra, si era accorta…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 7: La sua Sicilia
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 7: La sua Sicilia

    Di Pietro Seddio.  Rialzarsi. Contro tutto e tutti. Rialzarsi, a qualunque costo. E’ questo il vero filo conduttore della vita dei siciliani, che per scorgere le vette più inaccessibili devono sporgersi sull’orlo del precipizio, con la costante paura di cadere giù e di non ricevere…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 8: La presenza del padre
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 8: La presenza del padre

    Di Pietro Seddio.  Ricorderò sempre quello sputo che cominciava a colarle dalla guancia colpita. Rivedo, anche, quelle labbra rosse e quella pena che fuoriusciva dai suoi occhi impiastricciati. Da quel giorno tra me e mio padre scese un avvilente silenzio e per molto, tanto tempo,…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 9: Prime esperienze sociali
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 9: Prime esperienze sociali

    Di Pietro Seddio.  In quel preciso momento venni coinvolto dalla atmosfera che si respirava dentro l’università e confesso che subii l’influenza dei giovani radicali di quell’ateneo. E’ stato scritto, anche giustamente, che il mio animo politico fu complicato e mi portò ad un lavoro che…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 10: La destra politica
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 10: La destra politica

    Di Pietro Seddio.  Il mercato delle gabelle, nella Sicilia centro-occidentale, era in gran parte controllato e gestito, da organizzazioni mafiose e molti gabelloti, erano affiliati a queste organizzazioni, così come lo erano i “soprastanti”, uomini di fiducia dei gabelloti, ed i “campieri”, i quali costituivano…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 11: Il mondo letterario
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 11: Il mondo letterario

    Di Pietro Seddio.  Scrivendo, invertendo storie, creando personaggi mi sarai liberato e solo così i fantasmi mi avrebbero abbandonato. Sapevo che sarei stato a combattere da solo, strenuamente con la sola arma che possedevo, la scrittura la quale mi avrebbe preservato da tutti gli attacchi.…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 12: Vivere a Bonn
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 12: Vivere a Bonn

    Di Pietro Seddio.  Comunque durante quelle riunioni le conversazioni erano dotte e mai che si fosse udito uno scherzo fuori luogo o tempo. Fu quella, assieme ad altre, una esperienza che ancora ricordo con soddisfazione perché mi consentì di approcciarmi ad un mondo fino a…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 13: Eventi politici a Roma
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 13: Eventi politici a Roma

    Di Pietro Seddio.  Poi agli inizi del Novecento ci si riuniva presso i caffè letterari, come ad esempio al Caffè Greco, un classico e tranquillo ritrovo, poi al caffè Busi, in via Veneto, di fronte al famoso albergo Excelsior. Anche qui ebbi occasione di incontrare…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 14: Il matrimonio con Antonietta Portulano
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 14: Il matrimonio con Antonietta Portulano

    Di Pietro Seddio.  Il nostro rapporto d’amore, che andava bene, seppur da notare senza tanti salamelecchi, smargiasserie, in quanto nessuno dei due era in grado di esternare, fu coronato dalla nascita di Stefano, e proprio in Via Vittoria Colonna dove intanto ci eravamo trasferiti. Io…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 15: Professore al Magistero
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 15: Professore al Magistero

    Di Pietro Seddio.  Con quale spirito lasciavo la mia casa per andare ad insegnare, per incontrarmi con le mie colleghe, con qualche amico che ora vedevo raramente. Ecco, altro non facevo, uscendo da casa dove fino a qualche momento prima aveva subito gli attacchi di…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 16: Drammaturgo importante
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 16: Drammaturgo importante

    Di Pietro Seddio.  E’ questo il vero dramma dei miei personaggi: l’incapacità di realizzare la propria libertà tanto sospirata, schiavi come sono dei pregiudizi sociali. Gli stessi alla fine rappresentano la crisi dell’io, che si sente disperato. Ne viene a risultare che l’esteta è feroce,…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 17: Amico di Nino Martoglio
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 17: Amico di Nino Martoglio

    Di Pietro Seddio.  Arrivai al 1924, anno di eventi felici e dolorosi, così come era stato l’anno 1921 per la morte di Nino Martoglio al quale ero legato da una amicizia sincera e salda. Provai un profondo dolore che esternai scrivendo, sul “Messaggero”, il necrologio.…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 18: Gli amici letterati
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 18: Gli amici letterati

    Di Pietro Seddio.  Non ebbi esitazione a fondare la Compagnia Teatrale alla quale aderirono mio figlio Stefano, Orio Vergani, Massimo Bontempelli, Giovanni Cavicchioli, Giuseppe Prezzolini, Antonio Beltramelli, Leo Ferreri, Lamberto Picasso, Guido Salvini, Maria Letizia Celli e Claudio Argenteri. Si prese in affitto un locale…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 19: L’incontro con Marta Abba
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 19: L’incontro con Marta Abba

    Di Pietro Seddio.  Forte della mia fama cominciai a bussare a tutte le case di produzione cinematografica, ma ponendo una condizione, sempre la stessa: che Marta Abba potesse essere tra gli interpreti. Trascorsero così cinque mesi, durante i quali io e l’attrice (accompagnata dalla sorella)…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 20: L’interesse verso Mussolini
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 20: L’interesse verso Mussolini

    Di Pietro Seddio.  Mi accorsi, anche, che boicottavano le mie commedie tanto è vero che accorreva sempre meno pubblico con l’aggravarsi della situazione finanziaria e fu per questo che mi allontanai dall’Italia. Iniziò il mio peregrinare per sorreggere le sorti della Compagnia sperando che all’estero…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 21: L’incontro-scontro con Gabriele D’Annunzio
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 21: L’incontro-scontro con Gabriele D’Annunzio

    Di Pietro Seddio.  Ribadisco che ho provato una profonda pietà per la sofferenza umana, questo è certo; ma è stata una pietà sterile, che rifiutava ogni tentativo di soluzione, ogni consolazione in questa o nell’altra vita, ogni e qualsiasi risposta positiva: tutto quel che i…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 22: Il suo Nobel
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 22: Il suo Nobel

    Di Pietro Seddio.  Mi ero preso gioco della morte proprio nel momento in cui esalavo l’ultimo respiro. Ma nessuno lo sapeva, piangevano e si disperavano. Ormai io li osservavo senza che nessuno potesse vedermi e in un certo senso mi divertivo. La morte ormai non…

PROEMIO

Certo è quanto mai realistico pensare che non tutto va sempre come si desidera in quanto gli eventi che si susseguono con velocità inaudita, in particolare, spesso servono a cambiare anche la verità su taluni di questi eventi specialmente se accaduti tanti anni addietro e poi non è da sottovalutare la mancanza del protagonista, come io penso di essere, in quanto da tanto tempo, molto tempo in verità, mi sono allontanato ma questo non mi ha evitato di essere presente. Si dirà una presenza particolare, e possiamo dire da “fantasma” e proprio questo termine, da sempre, mi è stato familiare.

L’aver quindi seguito, esultato, letto, quanto ha costituito oggetto di analisi, più o meno rispondenti alla verità, mi ha provocato un certo turbamento, quello stesso che tanti anni addietro io provavo tutte le volte che alcuni sconosciuti mi pressavano perché ascoltassi le loro storie, ma io ero sordo e spesso tenevo la porta chiusa per evitare non solo di vederli, ma di ascoltarli.

Penso, ancora oggi, (anzi ne sono più che convinto) che il destino, tutto sommato, non sia stata prodigo con me seppur, ad onor del vero, ho avuto una vita con soddisfazioni, ma a quale prezzo.

Non posso non affermare che una parte di me è rimasta alquanto soddisfatta per come si sono svolti gli eventi che, per anni, mi hanno visto protagonista confessando che in principio ho avuto paura per poi abituarmi a quello che riuscivo a raccogliere e se è vero che non ci sono rose senza spine, ebbene io ho avuto le une e tante, tante… spine

Or bene debbo a questo punto far conoscere perché ho deciso di farmi sentire, pur rimanendo lontano in quanto dove mi trovo non è consentito tornare se non in casi speciali, assai sporadici e dopo tanto, ma tanto tempo. Tutti i condannati a pene severissime perdono la speranza di tornare e comunque qualche volta si verifica che qualcuno riceva una licenza premio, assai breve, ed è quella l’occasione perché si ritorni nei luoghi di appartenenza seppur si è consapevoli che moltissime cose sono cambiate, che tanti conoscenti, a cominciare dai parenti più stretti, non ci sono più ed allora si rischia di trovarsi presente in quei luoghi ormai diversi tanto da sentirsi un perfetto sconosciuto, talmente intruso, da considerarsi addirittura fantasma.

Non so per quale prerogativa mi è stata concessa questa possibilità ed io ne ho approfittato soprattutto perché da tanto tempo ho dovuto mitigare i miei nervi pronti ad esplodere. Sarà stato questo il motivo per cui mi è stata concessa un po’ di libertà? Molto probabilmente e comunque non voglio conoscerne la ragione, mi vale sapere che ora ho lasciato quel posto, dove tornerò senz’altro, perché ho in mente di chiarire alcune cose, spolverare talune convinzioni che sono state tramandate seppur chi le ha messe in giro penso non li abbia usate artatamente.

Ma nel contempo non posso tacere che un certo numero di persone (definite scrittori, critici, analisti, storici, filosofi, teologi, teatranti, ecc.) ha usato il mio nome, le mie opere non tanto per farmi un favore, ma per trovare un personale beneficio. Certo interpretare un pensiero non obbliga a convenirne, anzi spesso lo stesso pensiero, importante per quanto possa essere o sembrare, può essere interpretato in modo soggettivo e nessuno può affermare il contrario.

Pur non ritenendomi bigotto, non ho potuto provare sentimento nel sentire spesso, specie nei luoghi dove ho vissuto, molti deliberatamente, si sono dichiarati di essere miei eredi, spirituali certamente, in quanto io ho avuto tre figli (due maschi e una femmina) i quali non si sono fatti scrupolo a dilapidare quello che io ero riuscito a guadagnare. Figli nati dopo che mi ero sposato. Quanto tempo è passato? Tanto, e tanti eventi sono cambiati ed accaduti.

Perché non sono intervenuto prima? Ho sempre sperato che la verità potesse diventare cosa certa così evitare che si continui a scrivere e non perché scrivere io lo condanni (io che ho scritto tanto!?), ma perché molti di questi non mi hanno mai conosciuto, alcuni addirittura non sanno niente della mia vita, del mio operato, ma siccome è sinonimo di guadagnare scrivere di me, c’è stata una corsa sfrenata così come moltissimi si sono definiti attori, registi, scenografi, cimentandosi rappresentando le mie opere teatrali spesso facendomi vergognare di essere io l’autore. Ma questa è la vita e la realtà. Aggiungo stranamente non “finzione”, ma pura e santa “realtà”.

Io che non ho mai accettato i compromessi (non è vero, perché in alcune occasioni, come avrò modo di spiegare, sono stato costretto e solo per sopravvivere, per continuare ad esercitare la mia vera professione che consisteva in quella di insegnante (professore) e che per arrotondare, su pressione di alcuni amici, iniziai a scrivere e pubblicare le mie prime poesie e le mie prime novelle).

Speravo, pur senza convinzione, soprattutto dopo la tragedia finanziaria che colpì la famiglia di mio padre, del suo socio (mio suocero Portulano) e di mia moglie che si ammalò gravemente. Che dirvi: una vera tragedia.

Per quasi tutta la vita (a parte qualche parentesi) ho vissuto tanti drammi che ho dovuto tenere dentro al mio animo che piangeva e gridava mentre ero costretto a presentarmi sorridente, soddisfatto. Il mio doppio: così alcuni illuminati studiosi lo hanno definito. E hanno avuto ragione, seppur ho anche detto che spesso sono stato travisato. Ammetto che tanti studiosi oculati hanno scritto la verità, ma questo non ha stemperato le mie inquietudini che continuo a covare da tanti, tanti anni. Non so più quanti, ma certamente tanti e sono certo che qualcuno è riuscito a contarli.

Ho deciso allora di raccontare io, personalmente, la mia vera storia evidenziando molti particolari che non sono mai stati raccontati per intero, se non in poche occasioni, e qui voglio ricordare Federico Vittore Nardelli, Gaspare Giudice, Leonardo Sciascia, Corrado Alvaro, Andrea Camilleri, Maria Alaimo e qualche altro; ma questi non ci sono più.

Che fare? Qualcuno deve pur esserci capace di scrivere, sotto mia dettatura, la verità, quella mia che conosco perché vissuta fino alla fine.

Qualcuno potrà dire di sapere tutto, di aver letto tanti libri e che questa mia decisione è tardiva, quasi inutile. Può esserlo.

Ma non mi si può proibire di essere io a dire e raccontare considerato che tantissimi, per mio nome e a mia insaputa, lo hanno fatto perciò posso farlo pure io. Saranno in pochi a leggere la mia storia raccontata?

Pazienza, è successo anche per molti miei scritti che la maggior parte non ha letto (così come è accaduto a tanti altri miei colleghi che hanno scritto tanto senza attirare tanti lettori). E’, comunque, un prezzo che intendo pagare, ma soprattutto voglio cogliere questa occasione perché chissà quanto si presenterà (semmai accadrà) una simile evenienza.

E’ vero che la storia si ripete. Infatti più volte ho riferito che molti mi venivano a trovare perché io ascoltassi e raccontassi le loro storie ed io a fare orecchie da mercante fino a quando mi decisi che avrei potuto farlo, tanto non mi costava niente. Grave errore.

Da quel momento quando ho deciso di far conoscere quelle storie, a volte vere tragedie, la mia vita è cambiata e mi sono incamminato verso un percorso assai accidentato, pericoloso, stretto, da togliere il respiro, da farti mancare la terra sotto i piedi. Ma ormai ero inglobato dentro la ragnatela e non potevo più scappare e non sono scappato, soffrendo le pene più dolorose perché erano storie di sofferenza, con motivazioni che portavano alla disperazione, alla morte, ma soprattutto alla pazzia, con la quale, direttamente, ho convissuto quasi fino alla fine.

Ho vissuto non con un dramma ma con centomila drammi che hanno piagato la mia carne ma non la mia mente grazie alla quale mi sono impegnato ad eternarli e con loro le vite che ora sono immortali riuscendo, grazie all’arte, a rinnovarsi giorno per giorno e per sempre fino alla fine del mondo e questo miracolo è frutto della creatività presente in quanti riescono a riempire le pagine bianche per raccontare le storie, tante, tutte diverse, ma simili a rocce granitiche che non si sfalderanno mai più. Quando ho saputo del permesso mi sono chiesto chi poteva ascoltarmi rendendosi disponibile a scrivere la mia storia sotto dettatura e mi è venuto in mente uno scrittore, poco conosciuto in verità, che ha vissuto per tanto tempo dove io ho vissuto fino a quando non mi sono sposato e trasferito a Roma. Anche lui ha lasciato la nostra isola e si trova più a Nord, in Lombardia, ormai da tanti anni.

Da tempo, mi risulta direttamente, che ha letto, studiato, analizzato non solo le mie opere, ma tanti libri che di me hanno parlato, formandosi una cultura non indifferente aggiungendo che è riuscito anche a portare sulle scene sia al Sud che al Nord alcune mie opere riscuotendo un buon successo. E’ riuscito, lavorando sodo, a scrivere moltissimi libri, alcuni dei quali che parlano delle mie numerose opere e non poteva mancare il libro che parlasse direttamente di me, della mia vita: la così detta “biografia”.

Ho scelto questo, non più giovane scrittore, e già sono sicuro che si renderà disponibile prima che io ritorni da dove sono arrivato. Forse una volta terminato questo lavoro, potrà sedare tutte le mie inquietudini e finalmente concedermi il meritato riposo, magari anche “il riposo del guerriero”, come ha scritto un noto scrittore alcuni anni addietro.

Penso che a questo punto, per quanto non mi hanno ancora identificato, è giusto affermare che:

IO SONO FIGLIO E UOMO DEL CAOS

Pietro Seddio

Indice
  • Io sono figlio e uomo del Caos – Autobiografia immaginaria di Luigi Pirandello
    Io sono figlio e uomo del Caos – Autobiografia immaginaria di Luigi Pirandello

    Di Pietro Seddio.  In questa autobiografia immaginaria è lo stesso luigi Pirandello a raccontarsi in prima persona. Un’analisi dettagliata della vita del Maestro che dal suo Caos, dove è nato, ha condotto una vita davvero complessa e quanto mai tortuosa, segnata da un destino che…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 1: Nasce Luigi Pirandello
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 1: Nasce Luigi Pirandello

    Di Pietro Seddio.  Mio padre e mia madre si erano già visti una prima volta e siccome lei aveva quasi vent’otto anni credeva di essere una zitella avendo consumato quella gioventù nei confronti della Patria. Ma Stefano, non si tirò indietro e seduta stante le chiese…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 2: Agrigento e il colera
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 2: Agrigento e il colera

    Di Pietro Seddio.  Mentre ad Agrigento imperversava ancora il colera, il 28 giugno 1867 sono nato io: Luigi Pirandello. E da questo momento inizia la mia vera storia, quella che mi vede protagonista, a volte mio malgrado, ma così si è svolta la mia vita…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 3: Il Caos
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 3: Il Caos

    Di Pietro Seddio.  La casa è ubicata su di un altopiano, quasi a strapiombo nel mare e si inserisce in maniera armonica tra il litorale agrigentino ed i siti archeologici della Valle dei Templi. Da notizie certe l’intero manufatto è stato identificato e registrato nel…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 4: Riceve il battesimo
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 4: Riceve il battesimo

    Di Pietro Seddio.  L’atto di battesimo non venne trascritto e proprio poco prima del matrimonio, mancando quel documento, fu necessario avere un decreto vescovile e così mons. Blandini, vescovo di quel tempo, provvide a far stipulare il nuovo atto di battesimo che venne trascritto nei…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 5: Pirandello e Agrigento
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 5: Pirandello e Agrigento

    Di Pietro Seddio.  Ancora sono fermo a pensare che questa città è brutta, abbandonata e nel vedere tanti palazzoni così sparpagliati non credo possa ritenersi una città in linea con i tempi. Ma io ho il dovere di raccontare il mio passato che mi appartiene…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 6: Incontro con i fantasmi
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 6: Incontro con i fantasmi

    Di Pietro Seddio.  Ma ecco improvvisamente avvertii un frullo, un rumore e quasi subito mi accorsi d’un’ombra che si muoveva. Un’ombra nell’ombra. C’era qualcun altro, pensai? Chi si era nascosto in qualche angolo profondo e oscuro della Torre? E questo, anzi quest’ombra, si era accorta…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 7: La sua Sicilia
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 7: La sua Sicilia

    Di Pietro Seddio.  Rialzarsi. Contro tutto e tutti. Rialzarsi, a qualunque costo. E’ questo il vero filo conduttore della vita dei siciliani, che per scorgere le vette più inaccessibili devono sporgersi sull’orlo del precipizio, con la costante paura di cadere giù e di non ricevere…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 8: La presenza del padre
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 8: La presenza del padre

    Di Pietro Seddio.  Ricorderò sempre quello sputo che cominciava a colarle dalla guancia colpita. Rivedo, anche, quelle labbra rosse e quella pena che fuoriusciva dai suoi occhi impiastricciati. Da quel giorno tra me e mio padre scese un avvilente silenzio e per molto, tanto tempo,…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 9: Prime esperienze sociali
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 9: Prime esperienze sociali

    Di Pietro Seddio.  In quel preciso momento venni coinvolto dalla atmosfera che si respirava dentro l’università e confesso che subii l’influenza dei giovani radicali di quell’ateneo. E’ stato scritto, anche giustamente, che il mio animo politico fu complicato e mi portò ad un lavoro che…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 10: La destra politica
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 10: La destra politica

    Di Pietro Seddio.  Il mercato delle gabelle, nella Sicilia centro-occidentale, era in gran parte controllato e gestito, da organizzazioni mafiose e molti gabelloti, erano affiliati a queste organizzazioni, così come lo erano i “soprastanti”, uomini di fiducia dei gabelloti, ed i “campieri”, i quali costituivano…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 11: Il mondo letterario
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 11: Il mondo letterario

    Di Pietro Seddio.  Scrivendo, invertendo storie, creando personaggi mi sarai liberato e solo così i fantasmi mi avrebbero abbandonato. Sapevo che sarei stato a combattere da solo, strenuamente con la sola arma che possedevo, la scrittura la quale mi avrebbe preservato da tutti gli attacchi.…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 12: Vivere a Bonn
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 12: Vivere a Bonn

    Di Pietro Seddio.  Comunque durante quelle riunioni le conversazioni erano dotte e mai che si fosse udito uno scherzo fuori luogo o tempo. Fu quella, assieme ad altre, una esperienza che ancora ricordo con soddisfazione perché mi consentì di approcciarmi ad un mondo fino a…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 13: Eventi politici a Roma
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 13: Eventi politici a Roma

    Di Pietro Seddio.  Poi agli inizi del Novecento ci si riuniva presso i caffè letterari, come ad esempio al Caffè Greco, un classico e tranquillo ritrovo, poi al caffè Busi, in via Veneto, di fronte al famoso albergo Excelsior. Anche qui ebbi occasione di incontrare…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 14: Il matrimonio con Antonietta Portulano
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 14: Il matrimonio con Antonietta Portulano

    Di Pietro Seddio.  Il nostro rapporto d’amore, che andava bene, seppur da notare senza tanti salamelecchi, smargiasserie, in quanto nessuno dei due era in grado di esternare, fu coronato dalla nascita di Stefano, e proprio in Via Vittoria Colonna dove intanto ci eravamo trasferiti. Io…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 15: Professore al Magistero
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 15: Professore al Magistero

    Di Pietro Seddio.  Con quale spirito lasciavo la mia casa per andare ad insegnare, per incontrarmi con le mie colleghe, con qualche amico che ora vedevo raramente. Ecco, altro non facevo, uscendo da casa dove fino a qualche momento prima aveva subito gli attacchi di…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 16: Drammaturgo importante
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 16: Drammaturgo importante

    Di Pietro Seddio.  E’ questo il vero dramma dei miei personaggi: l’incapacità di realizzare la propria libertà tanto sospirata, schiavi come sono dei pregiudizi sociali. Gli stessi alla fine rappresentano la crisi dell’io, che si sente disperato. Ne viene a risultare che l’esteta è feroce,…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 17: Amico di Nino Martoglio
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 17: Amico di Nino Martoglio

    Di Pietro Seddio.  Arrivai al 1924, anno di eventi felici e dolorosi, così come era stato l’anno 1921 per la morte di Nino Martoglio al quale ero legato da una amicizia sincera e salda. Provai un profondo dolore che esternai scrivendo, sul “Messaggero”, il necrologio.…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 18: Gli amici letterati
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 18: Gli amici letterati

    Di Pietro Seddio.  Non ebbi esitazione a fondare la Compagnia Teatrale alla quale aderirono mio figlio Stefano, Orio Vergani, Massimo Bontempelli, Giovanni Cavicchioli, Giuseppe Prezzolini, Antonio Beltramelli, Leo Ferreri, Lamberto Picasso, Guido Salvini, Maria Letizia Celli e Claudio Argenteri. Si prese in affitto un locale…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 19: L’incontro con Marta Abba
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 19: L’incontro con Marta Abba

    Di Pietro Seddio.  Forte della mia fama cominciai a bussare a tutte le case di produzione cinematografica, ma ponendo una condizione, sempre la stessa: che Marta Abba potesse essere tra gli interpreti. Trascorsero così cinque mesi, durante i quali io e l’attrice (accompagnata dalla sorella)…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 20: L’interesse verso Mussolini
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 20: L’interesse verso Mussolini

    Di Pietro Seddio.  Mi accorsi, anche, che boicottavano le mie commedie tanto è vero che accorreva sempre meno pubblico con l’aggravarsi della situazione finanziaria e fu per questo che mi allontanai dall’Italia. Iniziò il mio peregrinare per sorreggere le sorti della Compagnia sperando che all’estero…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 21: L’incontro-scontro con Gabriele D’Annunzio
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 21: L’incontro-scontro con Gabriele D’Annunzio

    Di Pietro Seddio.  Ribadisco che ho provato una profonda pietà per la sofferenza umana, questo è certo; ma è stata una pietà sterile, che rifiutava ogni tentativo di soluzione, ogni consolazione in questa o nell’altra vita, ogni e qualsiasi risposta positiva: tutto quel che i…

  • Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 22: Il suo Nobel
    Io sono figlio e uomo del Caos – Capitolo 22: Il suo Nobel

    Di Pietro Seddio.  Mi ero preso gioco della morte proprio nel momento in cui esalavo l’ultimo respiro. Ma nessuno lo sapeva, piangevano e si disperavano. Ormai io li osservavo senza che nessuno potesse vedermi e in un certo senso mi divertivo. La morte ormai non…

Cap. 1: Nasce Luigi Pirandello »»»

Indice Tematiche

Se vuoi contribuire, invia il tuo materiale, specificando se e come vuoi essere citato a
collabora@pirandelloweb.com

ShakespeareItalia

image_pdfimage_print
Skip to content