Il testamento – Capitolo 4: E niente fiori sul letto e nessun cero acceso

Di Pietro Seddio. 

Il fatto che non abbia voluto né fiori è ceri non è da considerare un capriccio quanto una conseguenza avendo sancito la nullità di quella vita che non voleva vestire, non poteva circondari di elementi così cari ai vivi: fiori e ceri accesi.

Il testamento di Luigi Pirandello

Per gentile concessione dell’ Autore

««« Cap. 3: Mi s’avvolga nudo, in un lenzuolo
Cap. 5: Carro d’infima classe, quello dei poveri »»»

Indice Tematiche

Il testamento di Pirandello. Capitolo 4

Il testamento di Luigi Pirandello
Capitolo 4
E niente fiori sul letto e nessun cero acceso

Ecco la scena: un letto con sopra un cadavere nudo coperto da un semplice telo bianco che ne accentuava quella statica forma e figura che tanto avevano fatto parlare di lui. Una semplicità sconfortante, avvilente, soprattutto se si pensava cosa sarebbe accaduto se non fosse comparsa quella lettera testamentaria.

Il nulla prendeva forma e diventava realtà e nella fissità della morte Pirandello si riappropriava della propria vita per intero e questa volta senza nessuna interferenza esterna. Tornavano a mente le parole nella lettera alla sorella Lina del 31 ottobre 1886:

Quando tu riesci a non aver più un ideale, perché osservando la vita sembra un enorme pupazzata, senza nesso, senza spiegazione mai; quando tu non hai più un sentimento, perché sei riuscito a non stimare, a non curare più gli uomini e le cose, e ti manca perciò l’abitudine, che non trovi, e l’occupazione, che sdegni – quando tu, in una parola, vivrai senza la vita, penserai senza un pensiero, sentirai senza cuore – allora tu non saprai che fare: sarai un viandante senza casa, un uccello senza nido. Io sono così.

Il nulla. Il deserto interiore, l’aridità del suo cuore che a quel punto non potevano infiorarsi. Solo e solitudine anche in quel supremo momento. Il fatto che non abbia voluto né fiori è ceri non è da considerare un capriccio quanto una conseguenza avendo sancito la nullità di quella vita che non voleva vestire, non poteva circondari di elementi così cari ai vivi: fiori e ceri accesi.

Già, allorquando aveva raccolto le opere del suo teatro, aveva sancito che fossero “maschere nude” e questo ebbe un significato profondo che non mutò mai.

Tutto doveva apparire semplice, scarno, togliendo ogni orpello del quale gli uomini facevano incetta. Che amasse la natura è un fatto assodato perché per tanto tempo riuscì ad assorbire quella siciliana, ma più particolarmente quella del Caos, dove poté ammirarla facendo spaziare il suo sguardo verso il mare africano.

“Una notte di giugno caddi come una lucciola sotto un gran pino solitario in una campagna d’olivi saraceni affacciata agli orli d’un altipiano d’argille azzurre sul mare africano”.

Il suo ricordo nitido, della gioventù, che divento sbiadito allorquando si inoltrò per le strade della sua Girgenti constatando il degrado, l’abbandono che seppe descrivere mirabilmente nel suo romanzo: “I vecchi e i giovani”.

Proprio in questo testo il ruolo fondamentale della sua città natale venne trattato ampiamente anche dalla critica. Tutte le componenti hanno un valore strutturale e rappresentativo e sono nate dall’osservazione della realtà dei luoghi in cui visse per poi rivestirsi funzionalmente della visione personalissima della vita.

Nella sicilianità mediterranea dello stesso, Girgenti gioca il ruolo di proto tipico paese del sud e di cardine inceppato del mondo di fine Ottocento, intrappolato nell’immobilità sociale e toccato solo marginalmente dalla storia.

Lo stesso Garibaldi, sbarcando in Sicilia, non passò nemmeno da quelle contrade e tale evento colpì il Maestro pensando che quella zona era abbandonata da Dio e dagli uomini.

Anche la Chiesa rimaneva immobile in quanto divisa sul modo di reagire alla nascente crisi sociale dei Fasci. Tutto era immobile, abbandono, aridità e perfino la natura sembra essersi inaridita come i cuori e le menti.

Questa palpante aridità la trascrisse, poeticamente, nel romanzo e di questa parte descrittiva si pensa sia giusto riportare qualche brano.

“La pioggia caduta a diluvio durante la notte, aveva reso impraticabile quel lungo stradone di campagna, tutto a volte e risvolte, quasi in cerca di men faticose erte e di pendii meno ripidi. Il guasto delle intemperie appariva tanto più triste, in quanto, qua e là, già era evidente il disprezzo e quasi il dispetto della cura di chi aveva tracciato e costruito la via per facilitare il cammino tra le asperità di quei luoghi con gomiti e giravolte e opere or di sostegno or di riparo: i sostegni eran crollati, i ripari abbattuti, per dar passo a dirupate scorciatoie. Piovigginava ancora a scosse nell’alba livida tra il vento che spirava gelido e raffiche di ponente; e a ogni raffica, su quel lembo di paese emergente or ora, appena cruccioso, dalle fosche ombre umide della notte tempestosa, pareva scorresse un brivido, dalla città, alta e velata sul colle, alle vallate, ai poggi, ai piani irti ancora di stoppie annerite, fino al mare laggiù, torbido e rabbuffato. Pioggia e vento parevano un’ostinata crudeltà del cielo sopra la desolazione di quelle piagge estreme della Sicilia, su le quali Girgenti, nei resti miserevoli della sua antichissima vita raccolti lassù, si levava silenziosa e attonita superstite nel vuoto di un tempo senza vicende, nell’abbandono d’una miseria senza riparo. Le alte spalliere di fichidindia, ispide, carnute e stravolte, o le siepi di rovi secchi e di agavi, le muricce qua e là screpolate erano di tratto in tratto interrotte da qualche pilastro cadente che reggeva un cancello scontorto e arrugginito o da rozzi e squallidi tabernacoli, i quali, nella solitudine immobile, guardati dagl’ispidi rami degli alberi gocciolanti, anziché conforto ispiravano un certo sgomento, posti com’eran lì a ricordare la fede a viandanti (per la maggior parte campagnoli e carrettieri) che troppo spesso, con aperta o nascosta ferocia, dimostravano di non ricordarsene.

Qualche triste uccelletto sperduto veniva, col timido volo delle penne bagnate, a posarsi su essi; spiava, e non ardiva mettere nemmeno un lamento in mezzo a tanto squallore”. 

Prosa o poesia? Solo sentimento profondo di chi vive in prima persona immagazzinando tutta la negatività della campagna che rappresenta quella ancora più nitida dei cittadini.

Elementi tutti negativi che si coagulano, formano un roccioso grumo che mai più sarà scalfito: sarà l’oggetto di tutta la tematica che si potrà poi notare, nel corso del tempo, in tutta la produzione dell’autore.

Quindi, rispettando i canoni della sua convinzione, era giusto che attorno a lui, per quella occasione, non ci fossero né fiori né ceri, avendo vissuto per tutto quel tempo in mezzo alla completa aridità esteriore quanto interiore.

La sua visione di questa Girgenti malconcia, abbandonata, è la dimostrazione concreta della società che l’abita che vive senza progetti, senza speranza, senza alcuna positiva condizione sociale e politica.

Tale convincimento, in un certo senso, lo ritroveremo in alcune frasi che Enrico IV, pronuncerà:

“Vi sembra una burla anche questa, che seguitano a farla i morti la vita? Si, qua è una burla: ma uscite di qua, nel mondo vivo. Spunta il giorno. Il tempo è davanti a voi. Un’alba. Questo giorno che ci sta davanti voi dite lo faremo noi! Si? Voi? E salutatemi tutte le tradizioni. Salutatemi tutti i costumi. Mettetevi a parlare! Ripeterete tutte le parole che si sono sempre dette! Credete di vivere? Rimasticate la vita dei morti”. 

L’illusione della vita, la catastrofe incombente che non si avverte ma che continua ad aleggiare prima della tragedia finale. Allora a cosa valgono gli orpelli? Non certo sono per i morti, ma certamente per i vivi che vogliono avere il cuore in pace.

Cosa direbbero i vicini, gli amici se al morto non si rendessero onori visivi, anche se pacchiani.

Non è la pietà per i morti, ma l’avidità interiore ed intellettuale dei vivi che tali si credono, non sapendo che sono più morti del morto che onorano. E tutto questo Pirandello non l’ha voluto, consapevole che la vita, come diceva Lorenzo il Magnifico, “fugge via e di doman non c’è certezza”.

Pietro Seddio

Il testamento di Luigi Pirandello

Il testamento di Luigi Pirandello – Indice
  • Il testamento di Luigi Pirandello
    Il testamento di Luigi Pirandello

    Di Pietro Seddio.  Da testimonianze oculari si seppe che il testamento era stato redatto qualche decennio prima che arrivasse la sua dipartita e che era stato vergato, dallo stesso, su un vecchio, sbiadito, foglietto. Era rimasto sepolto, tra le sue carte, per circa un venticinquennio…

  • Il testamento – Capitolo 1: Sia lasciata passare in silenzio la mia morte
    Il testamento – Capitolo 1: Sia lasciata passare in silenzio la mia morte

    Di Pietro Seddio.  In certi momenti di silenzio interiore, scriveva Pirandello, in cui l’anima nostra si spoglia di tutte le finzioni abituali, e gli occhi nostri diventano più acuti e penetranti, noi vediamo noi stessi nella vita e in sé stessa la vita quasi in…

  • Il testamento – Capitolo 2: Morto, non mi si vesta
    Il testamento – Capitolo 2: Morto, non mi si vesta

    Di Pietro Seddio.  Occorre, di fronte a questa imperativa richiesta, esaminare il concetto che alimentò l’Autore parlando dell’essere umano e il suo pensiero che si è snodato attraverso tutti i suoi numerosi scritti. Un rapporto non sempre facile in quanto l’uomo era una parte importante…

  • Il testamento – Capitolo 3: Mi s’avvolga nudo, in un lenzuolo
    Il testamento – Capitolo 3: Mi s’avvolga nudo, in un lenzuolo

    Di Pietro Seddio.  Nella concezione di Luigi Pirandello esisteva una connessione tra l’uomo e il personaggio e se questo viene a mancare, la stessa esistenza dell’uomo si spoglia completamente per diventare nudo ed allora a cosa servono i vestiti, gli orpelli. E quello che è…

  • Il testamento – Capitolo 4: E niente fiori sul letto e nessun cero acceso
    Il testamento – Capitolo 4: E niente fiori sul letto e nessun cero acceso

    Di Pietro Seddio.  Il fatto che non abbia voluto né fiori è ceri non è da considerare un capriccio quanto una conseguenza avendo sancito la nullità di quella vita che non voleva vestire, non poteva circondari di elementi così cari ai vivi: fiori e ceri…

  • Il testamento – Capitolo 5: Carro d’infima classe, quello dei poveri
    Il testamento – Capitolo 5: Carro d’infima classe, quello dei poveri

    Di Pietro Seddio.  Fuori aspettava il carro funebre chiuso con il cocchiere in cassetta che avrebbe guidato un povero cavallo attento a non scivolare, stante il tempo inclemente che aveva finito per rendere secchi gli ultimi fiori, che aveva reso il selciato bagnato e scivoloso.…

  • Il testamento – Capitolo 6: Nudo
    Il testamento – Capitolo 6: Nudo

    Di Pietro Seddio.  Nudo era nato in quella campagna agrigentina e nudo voleva ritornare. Nessuno avrebbe, a quel punto potuto contraddirlo. E in questa sua libera decisione appariva integralmente il concetto di vita che lo aveva alimentato sapendo che la Chiesa, in particolare, avrebbe avuto…

  • Il testamento – Capitolo 7: E nessuno m’accompagni, né parenti né amici
    Il testamento – Capitolo 7: E nessuno m’accompagni, né parenti né amici

    Di Pietro Seddio.  Prima di tutti i figli esclusi anche loro, poi gli amici più “intimi”, poi quelli meno ed infine i conoscenti e gli immancabili curiosi. E la notizia si sparse in un baleno tanto che i giornalisti che erano fuori la villetta torsero…

  • Il testamento – Capitolo 8: Il carro, il cavallo, il cocchiere e basta
    Il testamento – Capitolo 8: Il carro, il cavallo, il cocchiere e basta

    Di Pietro Seddio.  Lentamente, lentamente fino a quando non svoltò l’angolo. Fu allora che l’intirizzito cavallo incitato dall’altrettanto intirizzito cocchiere non si mise a trottare. Quella bara era ingombrante e prima raggiungeva il Verano prima sarebbero tornati al calduccio, uno nella stalla, l’altro nella sua…

  • Il testamento – Capitolo Cap. 9: Bruciatemi
    Il testamento – Capitolo Cap. 9: Bruciatemi

    Di Pietro Seddio.  Il problema che emergeva da quella richiesta, per alcuni del tutto assurda e anacronistica, aveva radici lontane giacché su questo argomento certamente il Maestro si era documentato e sapeva che quella pratica non era un capriccio, ma una “tradizione” che si perdeva…

  • Il testamento – Capitolo Cap. 10: L’Epilogo
    Il testamento – Capitolo Cap. 10: L’Epilogo

    Di Pietro Seddio.  Ma erano passati decenni santo Dio! niente da fare, la Chiesa, con tutta la sua autorità, si mise di traverso e tutto apparve più difficile, quasi impossibile. Ma davvero il Maestro non sarebbe più tornato nella sua terra natia? Il testamento di…

  • Il testamento – Conclusione
    Il testamento – Conclusione

    Di Pietro Seddio.  Quando il maestro siciliano spirò sul suo lettuccio in un triste giorno del dicembre 1936, racconta Alvaro, lui poté assistere a quanto si svolse attorno a quella salma perché quel foglietto girava di mano in mano alimentando malumori, dissensi, propositi, dinieghi e…

  • Il testamento – Appendice: I tre funerali
    Il testamento – Appendice: I tre funerali

    Di Pietro Seddio.  Il vaso greco e le sue ceneri vennero conservati nella casa natale di Pirandello, in attesa che il progettato monumento funebre a lui dedicato fosse realizzato in località Caos, proprio sotto il famoso pino al quale il drammaturgo era tanto affezionato. Il…

Indice Tematiche

Se vuoi contribuire, invia il tuo materiale, specificando se e come vuoi essere citato a
collabora@pirandelloweb.com

ShakespeareItalia

Skip to content