Lauretta Enzo – Luigi Pirandello. Storia di un personaggio «fuori di chiave»

Pirandello - Storia di un personaggio

Un’opera che, a distanza di anni, rimane innovativa: è insieme una biografia e un saggio, con il gusto della narrazione e la severità critica. Non cede alle tentazioni agiografiche e aneddotiche, e coglie appieno l’essenza del percorso del grande scrittore siciliano.

Enzo Lauretta

Luigi Pirandello. Storia di un personaggio «fuori di chiave»

Ugo Mursia Editore – 2008 – pp.332

Prezzo di copertina. Euro 20,00

Pirandello - Storia di un personaggio

Sinossi
Un’opera che, a distanza di anni, rimane innovativa: è insieme una biografia e un saggio, con il gusto della narrazione e la severità critica. Non cede alle tentazioni agiografiche e aneddotiche, e coglie appieno l’essenza del percorso del grande scrittore siciliano.

Nasce così la “storia” di questo personaggio “fuori di chiave”, scandita nei vari capitoli dedicati ai luoghi, al tempo, alla vita, all’ideologia, alle opere, sorretta da una viva tensione che proviene dalla straordinaria vicenda di questo scrittore, raccontata sapientemente da Lauretta con il linguaggio e lo stile del narratore e al contempo il rigore e la serietà del saggista.

“il ritratto di Pirandello (il risultato più concreto di queste pagine) che ne scaturisce è spesso inedito: ogni aspetto della sua opera e della sua personalità viene indagato; nulla è lasciato al caso: né l’uomo né il poeta né il narratore e neppure il drammaturgo, tutti ripensati e riletti alla luce di un’analisi che si propone di restituire al lettore un personaggio sezionato e rivoltato come un guanto. Il Pirandello di Lauretta, dunque, è un uomo e scrittore a più dimensioni.”

Maria Grazia Gregari L’Unità 4-8-1980

******

Luigi Pirandello, secondo di sei figli, nasce la sera del 28 giugno 1867 ad Agrigento (l’antica colonia greca di Akragas che si chiamerà Girgenti fino al 1927) da Stefano Pirandello e da Caterina Ricci-Gramitto, sposata nel 1863, in una casa colonica non ancora ben rifinita che si trovava nella tenuta paterna denominata “Caos”, qualche chilometro fuori dalla città, sulla strada che conduce verso Porto Empedocle, in una contrada suggestiva che dall’alto di un costone da un lato guarda verso il mare e dall’altro è delimitata da una ripido e piccolo valloncello che  porta direttamente alla spiaggia.

««« Indice Biblioteca

Se vuoi contribuire, invia il tuo materiale, specificando se e come vuoi essere citato a
pirandelloweb.com@gmail.com

ShakespeareItalia