Di guardia – Audiolibro

Di guardia audiolibro
Vincent van Gogh, Ragazza in un bosco, 1882. Immagine dal Web.

Legge Enrica Giampieretti

Da LibriVox.org

Prima pubblicazione: Il Tirso, 1 giugno 1905, poi in La vita nuda, Treves Milano 1910.

******

             –    Tutti? Chi manca? – domandò San Romé, affacciandosi a una delle finestre basse del grazioso villino azzurro, dalle torricelle svelte e i balconi di marmo scolpiti a merletti e a fiorami.

             –    Tutti! tutti! – gli rispose a una voce, dal verde spiazzo ancor bagnato e luccicante di guazza, la comitiva dei villeggianti ravvivati dalla gaja freschezza dell’aria mattutina, essendo venuti su da Sarli a piedi.

             Ma uno strillò:

             –    Manca Pepi !

             –    S’è affogato in Via della Buffa! – aggiunse la generalessa De Robertis, togliendosi dal braccio il seggio a libriccino per mettersi a sedere.

             Tutti risero; anche San Romé dalla finestra, ma più per quel che vide: cioè, la Generalessa, enormemente fiancuta, che presentava il di dietro, china nell’atto d’assicurare i piedi del seggiolino su l’erba dello spiazzo.

             –    E perché manca Pepi?

             –    Mal di capo, – rispose Biagio Casòli. – Sono andato a svegliarlo io stamattina. Teme, dice, che gli prenda la febbre.

             Questa notizia fu commentata malignamente, sotto sotto, dal crocchio delle signorine. Roberto San Romé se n’accorse dalla finestra; vide quella smorfiosa della Tani, tutta cascante di vezzi, ammiccare all’altra viperetta della Bongi, e si morse il labbro.

             Intanto dallo spiazzo la comitiva impaziente gli gridava di far presto. S’eran levati tutti a bujo, giù a Sarli, per fare pian piano la salita fino a Gori; da Gori a Roccia Balda c’erano tre ore buone di cammino, e bisognava andar lesti per arrivarci prima che il sole s’infocasse.

             – Ecco, – disse San Romé, ritirandosi. – Dora sarà pronta. Un momentino.

             E andò al piano di sopra a picchiare all’uscio della camera della cognata, che non s’era ancor fatta vedere.

             La trovò stesa su una sedia a sdrajo, in accappatojo bianco, coi bellissimi capelli biondi disciolti e una. grossa benda bagnata, ravvolta studiatamente intorno al capo, come un turbante.

Leggi «Di guardia»

»» Indice Audiolibri

Se vuoi contribuire, invia il tuo materiale, specificando se e come vuoi essere citato a
collabora@pirandelloweb.com

Shakespeare Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Skip to content