08.02. Nuvole

Nuvole

Raccolta “Fuori di chiave” (1912)


08.02. Nuvole

In Nuova Antologia, 1° maggio 1902.

Mi par che dentro al cranio smisurato
del mondo addormentato,
siccome dentro al mio tanti pensieri,
nuvole bianche e nuvoloni neri
errin col triste tedio di chi sa
che il proprio fin giammai non giungerà.

Nuvole, e quanti, in rea lotta coi fati,
pe ‘l mondo son passati,
eroi, tiranni, fisso in mente il chiodo
di dargli pace o assetto in qualche modo.
Daccapo, sempre. E s’immolò Gesú.
L’umanità per lui forse è risorta?
Triste prima, triste ora, ahi forse piú…
Ma poi, del resto, nuvole, che importa?

Speriamo… E come voi, nubi, le umane
speranze appajon vane
prima talor che giungano ad effetto.
Ansio, di giorno in giorno io le rimetto;
talvolta il cuor le scuote e avventa: mai
del tempo e del mister s’apre la porta.
L’uom se ne rode, se n’affligge assai…
Ma poi, del resto, nuvole, che importa?

Passano gli anni.. Il tempo par che dorma,
e volge, e ne trasforma,
siccome il moto o l’aura voi; ma intanto
son sempre quelle del riso e del pianto
le cagioni; la fune, sempre quella:
in nuovi intrecci, in nuovi nodi attorta.
Smania l’uomo a strigarla, s’arrovella…
Ma poi, del resto, nuvole, che importa?


»» Raccolta “Fuori di chiave” (1912)

»» Elenco delle raccolte

Se vuoi contribuire, invia il tuo materiale, specificando se e come vuoi essere citato a
pirandelloweb.com@gmail.com