L’uomo dal fiore in bocca – Audiolibro – Legge Luigi Maria Corsanico

L’uomo dal fiore in bocca Audiolibro

Da Youtube

Legge Luigi Maria Corsanico

Dalla  novella «Caffè notturno» (1918) poi intitolato «La morte addosso» (1923)

Prima rappresentazione: 21 febbraio 1923
Roma, Teatro degli Indipendenti, Compagnia degli «Indipendenti» diretta da Anton Giulio Bragaglia.

******

        L’UOMO DAL FIORE: Ah, lo volevo dire! Lei dunque un uomo pacifico è… Ha perduto il treno?

        L’AVVENTORE: Per un minuto, sa? Arrivo alla stazione, e me lo vedo scappare davanti.

        L’UOMO DAL FIORE: Poteva corrergli dietro!

        L’AVVENTORE: Già. È da ridere, lo so. Bastava, santo Dio, che non avessi tutti quegli impicci di pacchi, pacchetti, pacchettini… Più carico d’un somaro! Ma le donne – commissioni… commissioni… – non la finiscono più. Tre minuti, creda, appena sceso di vettura, per dispormi i nodini di tutti quei pacchetti alle dita; due pacchetti per ogni dito.

        L’UOMO DAL FIORE: Doveva esser bello! Sa che avrei fatto io? Li avrei lasciati nella vettura.

        L’AVVENTORE: E mia moglie? Ah sì! E le mie figliuole? E tutte le loro amiche?

        L’UOMO DAL FIORE: Strillare! Mi ci sarei spassato un mondo.

        L’AVVENTORE: Perché lei forse non sa che cosa diventano le donne in villeggia­tura!

        L’UOMO DAL FIORE: Ma sì che lo so. Appunto perché lo so. (Pausa.) Dicono tutte che non avranno bisogno di niente.

        L’AVVENTORE: Questo soltanto? Capaci anche di sostenere che ci vanno per ri­sparmiare. Poi, appena arrivano in un paesello qua dei dintorni, più brutto è, più misero e lercio, e più imbizzarriscono a pararlo con tutte le loro galante­rie più vistose! Eh, le donne, caro signore! Ma del resto è la loro profes­sione… – «Se tu facessi una capatina in città, caro! Avrei proprio bisogno di questo… di quest’altro… e potresti anche, se non ti secca (caro, il «se non ti secca»):… e poi, giacché ci sei, passando di là…» – Ma come vuoi, cara mia, che in tre ore ti sbrighi tutte codeste faccende? – «Uh, ma che dici? Prendendo una vettura…» – Il guajo è che, dovendo trattenermi tre ore sole, sono venuto senza le chiavi di casa.

        L’UOMO DAL FIORE: Oh bella! E perciò?

        L’AVVENTORE: Ho lasciato tutto quel monte di pacchi e pacchetti in deposito alla stazione; me ne sono andato a cenare in trattoria; poi, per farmi svaporar la stizza, a teatro. Si crepava dal caldo. All’uscita, dico, che faccio? Sono già le dodici; alle quattro prendo il primo treno; per tre orette di sonno, non vale la spesa. E me ne sono venuto qua. Questo caffè non chiude, è vero?

Leggi «L’uomo dal fiore in bocca»

»» Indice Audiolibri

Se vuoi contribuire, invia il tuo materiale, specificando se e come vuoi essere citato a
collabora@pirandelloweb.com

Shakespeare Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “L’uomo dal fiore in bocca – Audiolibro – Legge Luigi Maria Corsanico”

Skip to content