L’uomo dal fiore in bocca – Audio lettura

Sta nascendo, dai un occhiata!   Pagina iniziale

L’uomo dal fiore in bocca Audiolibro

Legge Luigi Maria Corsanico

Da Youtube

Dalla  novella «Caffè notturno» (1918) poi intitolato «La morte addosso» (1923)

Prima rappresentazione: 21 febbraio 1923
Roma, Teatro degli Indipendenti, Compagnia degli «Indipendenti» diretta da Anton Giulio Bragaglia.

******

        L’UOMO DAL FIORE: Ah, lo volevo dire! Lei dunque un uomo pacifico è… Ha perduto il treno?

        L’AVVENTORE: Per un minuto, sa? Arrivo alla stazione, e me lo vedo scappare davanti.

        L’UOMO DAL FIORE: Poteva corrergli dietro!

        L’AVVENTORE: Già. È da ridere, lo so. Bastava, santo Dio, che non avessi tutti quegli impicci di pacchi, pacchetti, pacchettini… Più carico d’un somaro! Ma le donne – commissioni… commissioni… – non la finiscono più. Tre minuti, creda, appena sceso di vettura, per dispormi i nodini di tutti quei pacchetti alle dita; due pacchetti per ogni dito.

        L’UOMO DAL FIORE: Doveva esser bello! Sa che avrei fatto io? Li avrei lasciati nella vettura.

        L’AVVENTORE: E mia moglie? Ah sì! E le mie figliuole? E tutte le loro amiche?

        L’UOMO DAL FIORE: Strillare! Mi ci sarei spassato un mondo.

        L’AVVENTORE: Perché lei forse non sa che cosa diventano le donne in villeggia­tura!

        L’UOMO DAL FIORE: Ma sì che lo so. Appunto perché lo so. (Pausa.) Dicono tutte che non avranno bisogno di niente.

        L’AVVENTORE: Questo soltanto? Capaci anche di sostenere che ci vanno per ri­sparmiare. Poi, appena arrivano in un paesello qua dei dintorni, più brutto è, più misero e lercio, e più imbizzarriscono a pararlo con tutte le loro galante­rie più vistose! Eh, le donne, caro signore! Ma del resto è la loro profes­sione… – «Se tu facessi una capatina in città, caro! Avrei proprio bisogno di questo… di quest’altro… e potresti anche, se non ti secca (caro, il «se non ti secca»):… e poi, giacché ci sei, passando di là…» – Ma come vuoi, cara mia, che in tre ore ti sbrighi tutte codeste faccende? – «Uh, ma che dici? Prendendo una vettura…» – Il guajo è che, dovendo trattenermi tre ore sole, sono venuto senza le chiavi di casa.

        L’UOMO DAL FIORE: Oh bella! E perciò?

        L’AVVENTORE: Ho lasciato tutto quel monte di pacchi e pacchetti in deposito alla stazione; me ne sono andato a cenare in trattoria; poi, per farmi svaporar la stizza, a teatro. Si crepava dal caldo. All’uscita, dico, che faccio? Sono già le dodici; alle quattro prendo il primo treno; per tre orette di sonno, non vale la spesa. E me ne sono venuto qua. Questo caffè non chiude, è vero?

Leggi «L’uomo dal fiore in bocca»

»» Indice Audiolibri

Se vuoi contribuire, invia il tuo materiale, specificando se e come vuoi essere citato a
collabora@pirandelloweb.com

Shakespeare Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 − 16 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “L’uomo dal fiore in bocca – Audio lettura”

Skip to content