07.03. Meriggio

Meriggio

Raccolta “Fuori di chiave” (1912)


07.03. Meriggio

In Nuova Antologia, 16 gennaio 1909.

Segano l’afa le cicale. Acuto,
sottile e lamentoso, ad ora ad ora,
requie uno strido di pispola implora
qua, dalla macchia cedua, ov’io seduto
mi sto su un ceppo, e l’ombra mi ristora.

Calan ne l’ombra a un fil de la seguace
lor bava appesi, giú da cima, i ragni.
O pispola mia dolce, che ti lagni
de lo stridor de le cicale, pace
non han neppur gl’insetti, tra i castagni.

Ci sono i ragni! E ci son le formiche
anche per me… Ce n’ho già tante addosso!
Sú, entratemi pe ‘l naso, fino all’osso,
care, e il cervel ridotto in tante miche
portatevi, formiche, al vostro fosso.

Se Dio v’aiuta, finita l’estate,
sentirete che gusto! Entrate, entrate…


»» Raccolta “Fuori di chiave” (1912)

»» Elenco delle raccolte

Se vuoi contribuire, invia il tuo materiale, specificando se e come vuoi essere citato a
pirandelloweb.com@gmail.com